Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:


Sport

La svastica della vergogna

La croce uncinata apparsa sull'erba dello stadio Poljud di Spalato durante il match con l'Italia è l'ennesima dimostrazione della deriva imboccata dagli ultrà croati

AdminSito
lunedì 15 giugno 2015 10:42


Tracciata quasi certamente giovedì notte utilizzando una vernice speciale a comparsa ritardata, la grande svastica apparsa sull'erba dello stadio Poljud di Spalato durante il match Croazia-Italia giocatosi il giorno dopo (valido per le qualificazioni a Euro 2016) ha suscitato rabbia e indignazione nel mondo del calcio e provocato un forte imbarazzo da parte delle istituzioni sportive e politiche nazionali. Del resto questo vergognoso gesto discriminatorio, compiuto dagli ultras croati in occasione di una partita giocata a porte chiuse a causa dei soliti atti diffamatori e razzisti avvenuti durante la precedente gara contro la Norvegia, non è altro che l'ennesima dimostrazione della gravissima deriva razzista pericolosamente imboccata da una fetta sostanziosa della tifoseria biancorossa. E in attesa di conoscere la reazione dell'Uefa in merito all'accaduto, la polizia di Spalato ha aperto un'inchiesta per cercare di individuare i responsabili, iniziando a prelevare campioni di erba da consegnare al Centro per le analisi forensi di Zagabria e ad interrogare gli addetti della società locale che si occupa della manutenzione del campo. "Ciò che è successo rappresenta una vergogna per il nostro Paese - ha dichiarato Tomislav Bacek, portavoce della Federcalcio croata - e utilizzeremo ogni mezzo possibile per rintracciare questi criminali". "Condanno con estrema durezza il vergognoso gesto con cui alcuni teppisti hanno voluto infangare la reputazione della Croazia - recita un comunicato stampa prontamente diramato dalla presidente della Repubblica Kolinda Grabar-Kitarovic -, già messa a dura prova dai frequenti incidenti avvenuti negli spalti. Voglio puntualizzare che la nostra squadra nazionale è supportata dai migliori e più fedeli tifosi, ma ciò non toglie che c'è un serissimo problema da risolvere: la piaga del razzismo negli stadi causata da delinquenti che vanno consegnati alla giustizia. Esigo che venga svolta un'inchiesta urgente per individuare e perseguire il prima possibile i responsabili".
(Fonte: Hina, agenzie)

 
Connetti
Utente:

Password: