Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:


General

Violati i diritti dei lavoratori

Il segretario di un sindacato croato ha sostenuto che Mol, il gruppo che controlla la compagnia petrolifera Ina, ha leso spudoratamente il patto parasociale e i contratti collettivi

AdminSito
mercoledì 10 febbraio 2016 07:28


In questi ultimi mesi il management magiaro alla guida della compagnia petrolifera croata Ina, controllata appunto dal gruppo ungherese Mol, ha violato norme di legge, contratti collettivi, la convenzione arbitrale siglata con il governo di Zagabria e anche il patto parasociale. Ad assicurarlo è Predrag Sekulic, segretario del sindacato dei lavoratori "Nuova solidarietà", ricordando che la recente cessione del ramo della vendita al dettaglio della compagnia ha causato la perdita di 800 posti di lavori e una riduzione degli stipendi pari al 30%.

"I diritti dei lavoratori di Hina sono stati violati in modo clamoroso - ha spiegato Sekulic - e l'Inas e gli altri sindacati non hanno fatto nulla per opporsi a questo enorme sopruso. Basti pensare che le trattative relative alla cessione del settore della vendita al dettaglio sono state condotte in totale segretezza e che i dipendenti hanno dovuto fare i conti con il fatto compiuto. Inoltre, coloro che hanno contestato le politiche unilaterali messe in moto da Mol sono stati bruscamente licenziati".
(Fonte: Hina)

 
Connetti
Utente:

Password: