Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:


Energia

Rinasce il gasdotto Sud

Dopo l'abbandono forzato di South Stream e la fine del progetto turco, Gazprom, Edison e i greci di Depa firmano a Roma l'accordo per una condotta russo-ellenico-italiana

AdminSito
venerdì 26 febbraio 2016 10:00

Il colosso energetico russo"Gazprom" ha annunciato la nascita di un nuovo progetto per la costruzione di un gasdotto sotto il Mar Nero che fornirà gas naturale alla Grecia transitando attraverso un Paese terzo ancora senza nome e potrà continuare verso l'Italia. Il memorandum relativo è stato firmato a Roma mercoled' scorso dall'amministratore delegato di Gazprom ,Aleksey Miller, dalla " Public Gas Corporation" greca (DEPA) e dalla società italiana "Edison SpA ", i partners hanno in programma di utilizzare il lavoro già svolto da Edison e DEPA nell'ambito del progetto "ITGI Poseidon" che in un recente passato ha perso un'offerta per costruire la "Trans Adriatic Pipeline" (TAP) per la consegna di gas dall'Azerbaijan. "Lo sviluppo delle capacità di transito intra-europee del gas sono la chiave per rafforzare l'affidabilità e la sicurezza degli approvvigionamenti di gas naturale dalla Russia, a clienti in tutta Europa", ha detto Miller dopo la firma dell'accordo, mentre l'amministratore di CEO DEPA, Theodoros Kitsakos afferma che il far rivivere il progetto "ITGI Poseidon" rappresenta un passo verso una maggiore sicurezza energetica nella UE , ed amplificherà il ruolo della Grecia come importante "hub" per il trasporto del gas. In un recente passato, la Russia aveva progettato di portare il gas verso l'Europa attraverso il gasdotto "South Stream" che doveva passare attraverso la Bulgaria. Il progetto poi è stato sospeso proprio dalla Bulgaria su richiesta della Commissione europea, che sosteneva non fosse conforme al Terzo Pacchetto per l' Energia Terzo. Dopo la chiusura di questo progetto, "Gazprom" aveva avuto in programma di reindirizzare il gasdotto attraverso la Turchia , ma "Turkish Stream è stato accantonato con l'esplodere del conflitto tra Mosca e Ankara dopo l'abbattimento di un jet russo in Siria. Adesso la ripresa del progetto" Poseidon" potrebbe anche accelerare la ratifica del gasdotto "Nord Stream-2 "dalla Russia alla Germania, dicono a Roma. Il govrno italiano era irritato dal progetto tedesco perché il grando gruppo italiano "Eni" è stato un grande investitore in "South Stream", e l'Italia doveva essere il principale consumatore del carburante veicolato dal gasdotto meridionale. Con la nascita di questo nuovo progetto, adesso Roma è prevista ammorbidire la sua posizione. Fonte: Reuter

 
Connetti
Utente:

Password: