Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:


Energia

Benzina a prezzo (quasi) libero

In Slovena il governo liberalizza i prezzi di benzina "premium" o olio da riscaldamento ma i gestori voglioni che lo stesso accada per i carburanti che sono maggiormente venduti

AdminSito
lunedì 11 aprile 2016 11:12


La Slovenia ha deciso di liberalizzare il prezzo della benzina "premium" e dell' olio da riscaldamento a partire dal 9 aprile, in un compromesso che punta a placare i rivenditori di carburante, mantenendo le entrate di bilancio più o meno al medesimo livello, anche se i rivenditori di carburante continuano a spingere per la piena liberalizzazione, sostenendo che i margini sono troppo esigui.

Il ministro dell'Economia, Zdravko Počival?ek[b/] dice che questo è "il primo passo" verso la piena liberalizzazione dei prezzi di tutti i derivati ​​del petrolio, " e sono fiducioso che potranno beneficiarne anche i consumatori", ha detto. I rivenditori dicono invece che la Slovenia rimane tra gli ultimi Paesi dell'UE ad avere prezzi del carburante amministrati, ma le loro richieste si scontrano col le posizioni del ministero delle Finanze, che teme che completa liberalizzazione i prezzi sarebbe erodere le entrate di bilancio proprio mentre si sta lottando per consolidare le finanze pubbliche.

La benzina normale e il gasolio, che rimangono soggetti a prezzi amministrati, costituiscono il grosso delle vendite e di conseguenza, il governo si aspetta di perdere solo circa 300mila euro all'anno a seguito della parziale liberalizzazione. I gruppi di consumatori hanno già espresso il timore che i prezzi aumenteranno, in particolare a causa del predominio quasi totale sul mercato di due rivenditori, "Patrol" e "OMV", ma Počival?ek respinto tali preoccupazioni: "Il modo principale per evitare che questo avvenga per i consumatori e trasportatori è di essere vigili sui prezzi, ma disponiamo di strumenti che possiamo sfruttare per interrompere immediatamente qualsiasi andamento indesiderato dei prezzi , ed i fornitori di derivati ​​del petrolio sono consapevoli di questo ", dice.

Mentre un'eventuale tabella di marcia per l'ulteriore liberalizzazione non è stata resa nota, il decreto in base al quale i prezzi della benzina normale e del diesel rimangono amministrati è stato prolungato di soli due mesi. Počival?ek aggiungr che il governo dovrebbe in primo luogo esaminare la liberalizzazione dei prezzi praticati nelle stazioni di servizio autostradali. "Sono fiducioso che vi sarà presto un follow-up di tali misure, sia lungo le autostrade che nelle zone di confine".
Fonte: STA

 
Connetti
Utente:

Password: