Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
 
Connetti
Utente:

Password:



Economia

Mozzarelle in Crimea

Un gruppo di investitori italiani progetta di infrangere le sanzioni per dare vita ad una fabbria di latticini nella penisola grazie a forti agevolazioni, già individuata l'area

AdminSito
mercoledì 20 aprile 2016 13:38


In Crimea potrebbe comparire un allevamento di bufali, così come potrebbe essere avviata la produzione di mozzarella: alcuni investitori italiani hanno in mente questi piani e il corrispondente accordo potrebbe essere firmato già la prossima settimana per un progetto da 300 milioni di euro. Alcuni investitori italiani stanno pianificando di aprire un allevamento di bufali in Crimea e di lanciare la produzione di mozzarella; nella penisola questo prodotto non è mai stato realizzato ed il relativo accordo può essere firmato tra il 25 e 26 aprile, come riportato dai media che riferiscono le parole di Yan Epstein, vicepresidente dell'Associazione sulla Cooperazione Internazionale nel Mar Nero.

"Gli investitori italiani ci hanno proposto interessanti progetti. Tra il 25 e 26 aprile verrà firmato in Crimea il corrispondente accordo. Si tratta di un progetto per l'allevamento dei bufali e la produzione di mozzarella", dice Epstein.Inoltre gli italiani, secondo il vice presidente dell'Associazione del Mar Nero, intendono attirare in Crimea altri investitori interessati allo sviluppo della viticoltura. Tuttavia Epstein ha rifiutato di rivelare ulteriori dettagli sui futuri produttori di mozzarella in Crimea, giustificandosi con le sanzioni occidentali contro la penisola.L'area su cui verrà costruito l'allevamento di bufali è stata già individuata ed ha ricevuto le necessarie concessioni preventivamente concessa dalle autorità.

Il ministro dell'Agricoltura della penisola, Andrey Grigorenko aggiunge che le autorità della Crimea incentivano l'attività imprenditoriale nella produzione di latte:"In Crimea non c'è abbastanza latte, pertanto gli incentivi da parte delle autorità sono particolarmente alti ".Tradizionalmente la vera mozzarella italiana viene prodotta con il latte di bufala ed ha un periodo di conservazione molto limitato, per questo motivo la maggior parte della mozzarella che si realizza nel mondo è prodotta col latte di mucca. Si ritiene che la mozzarella più buona sia quella fresca di un giorno, ma viene venduta solo in Italia.Dal 14 al 16 aprile si è svolto in Crimea il Forum Economico Internazionale di Yalta, in cui secondo il presidente della regione ,Sergey Aksenov sono stati firmati 12 contratti per un valore di oltre 70 miliardi di rubli (circa 900 milioni di euro). Il più grande progetto riguarda la costruzione di un nuovo terminal dell'aeroporto di Simferopolie prevede una spesa di 32 miliardi di rubli.
Fonte: Sputnik