Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

Romania spaccata a metà

Stando a un recente sondaggio, il 49,7% dei cittadini rumeni considerano gli Stati Uniti come il principale alleato del loro Paese in caso di guerra

AdminSito
mercoledì 20 aprile 2016 13:38


In un'ipotetico scenario in cui la Romania venisse coinvolta in un conflitto armato, circa la metà dei cittadini rumeni (49,7%) considererebbe gli Stati Uniti il vero alleato militare del loro Paese: una percentuale cresciuta del 3,8% rispetto allo scorso anno. A riferirlo è l'Inscop, uno dei maggiori centri di ricerca rumeni che dal 21 al 28 marzo ha condotto questo sondaggio su un campione di oltre un migliaio di cittadini. Il 9,2% degli interpellati, inoltre, opta per la Germania (un dato cresciuto del 7,5% rispetto al 2015), mentre il 4,5% per la Francia, il 3,5% per la Moldova, il 2,4% per il Regno unito e l'1,7% per l'Italia. A non voler rispondere è stato il 27,5% dei cittadini rumeni intervistati. "La scelta dei rumeni interpellati è scontata - recita una nota stampa diramata dall'Inscop -, dato che il nostro Paese coltiva da tempo una solida partnership strategica con gli Stati Uniti, che hanno incrementato la loro presenza militare nella regione dopo lo scoppio della crisi in Ucraina.
(Fonti: Adevarul, Romania Insider)