Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
 
Connetti
Utente:

Password:



Economia

Cala il sentimento europeo

Stando a un recente sondaggio, la percentuale dei cittadini rumeni convinti che l'adesione all'Ue abbia prodotto dei benefici per Bucarest è scesa in un anno del 15,1%

AdminSito
mercoledì 20 aprile 2016 23:56


Secondo l'esito di un sondaggio condotto dal centro di ricerca Inscop tra il 21 e il 28 marzo su un campione di oltre mille cittadini rumeni, il 50,4% degli interpellati ritiene che la Romania abbia indubbiamente avuto dei benefici con l'ingresso nell'Ue. Una percentuale di certo consistente, seppur in calo di ben 15,1 punti rispetto ai risultati ottenuti lo scorso anno, quando a sostenere questa opinione era il 65,5% degli intervistati. Come puntualizza la stessa Inscop nella relazione allegata all'indagine, un calo del genere è dovuto quasi sicuramente all'imposizione da parte di Bruxelles delle quote rifugiati.

A ogni modo, il 31,2% degli interpellati crede che Bucarest non abbia ottenuto alcun vantaggio dall'integrazione comunitaria, mentre il 18,4% non ha voluto rispondere. Ancora, il 33,7% ritiene che sia la Romania che gli altri Stati membri abbiano beneficiato dell'adesione, il 30% pensa invece che solo gli altri Paesi hanno ottenuto dei vantaggi concreti e il 13% assicura che Bucarest è riuscita a conquistare il miglior risultato possibile.
(Fonte: Adevarul, Romania-Insider)