Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
 
Connetti
Utente:

Password:



Economia

NATO e Russia si riparlano

Dopo anni di gelo nuovo incontro a Bruxelles per iniziativa dell'Alleanza: le distanze sull'Ucraina restano incolmabili ma almeno si è cominciato a ripristinare i contatti

AdminSito
venerdì 22 aprile 2016 12:24

Dopo due anni di atteggiamento militaresco e retorica dura, Russia e alleanza militare della NATO sono tornate ad incontrarsi a Bruxelles il 20 aprile per cercare di riaprire le linee di comunicazione recise a seguito della annessione della Crimea da parte di Mosca :l'incontro è durato più tempo del previsto, anche se le due parti non sono riuscite a colmare lacune significative. La questione centrale continua ad essere quella dell'Ucraina. Mosca afferma di essere intervenuta per difendere i cittadini di lingua russa in Crimea e Ucraina orientale, in quella che era effettivamente una guerra civile. La NATO respinge queste affermazioni, insistendo sul fatto che Mosca sta conducendo una guerra per procura contro Kiev alimentando le forze ribelli che che hahanno combattuto in Ucraina orientale. "Durante l'incontro, è stato riconfermato che non siamo d'accordo quando si tratta di fatti e racconti della crisi Ucraina e quando si tratta di responsabilità per la crisi", ha detto segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg in un comunicato seguito alla conferenza. Anche se questa è una magra consolazione, ha aggiunto però che le due parti sono d'accordo sulla importanza di attuare il cosiddetto accordo di cessate il fuoco di Minsk nell' Ucraina orientale. L'incontro si è svolto a porte chiuse, ma Stoltenberg ha fatto capire di ulteriori disaccordi su questioni chiave relative a Minsk. In particolare, ha detto che la parte russa declina ogni responsabilità per supervisionare la sua attuazione.,ma la NATO rimane ferna sul punto che la Russia non solo arma i separatisti ma li comanda pure. "Su questo ci sono disaccordi profondi," è stato il messaggio di Stoltenberg. Parlando dopo la riunione, l'ambasciatore russo presso la NATO Alexander Grushko, dice a sua volta che non vi c'è "nessuna agenda positiva" in fase di discussione con la NATO. Entrambe le parti hanno detto che ci potrebbero essere futuri incontri, ma nessuna precisa quando potrebbero avere luogo. Grushko ha aggiunto che la Russia organizzerà un nuovo incontro quando ci sarà una "agenda reale". Nonostante una malcelata frustrazione su entrambi i lati, il leader della NATO ha cercato di mettere una notazione positiva su eventi della giornata. "Abbiamo dimostrato oggi si essere in grado di sedersi e parlare", ha detto. Ma le tensioni restano alte, e, come ha osservato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, una "totale mancanza di fiducia" permane tra le due parti. I canali di dialogo sono esistiti nel corso della crisi, ma finora hanno portato a nulla. Nel corso degli ultimi due anni, i membri orientali della NATO sono diventati sempre più attivi nell' orientare la posizione difensiva dell'Alleanza nei confronti della Russia. Il ministro degli Esteri di Polonia, Witold Waszczykowski, ha definito addirittura Mosca un rischio più grave dello Stato Islamic. Sul versante opposto, i funzionari russi hanno denunciato presso l'arroganza percepita e lo "zelo russo fobico" dei leader della NATO. La visualizzazione più vivida di questa tensione si è verificata sul Mar Baltico, dove un attacco simulato eseguito l'11 aprile ha portato un aereo da attacco "Sukhoi Su-24" russo a 10 metri dal cacciatorpediniere statunitense "Donald Cook", che navigava in acque internazionali. Poco dopo, un caccia russo ha intercettato ed eseguito un 'aydace manovra contro un aereo da ricognizione americano nella regione. "Mosca vede in certe azioni provocatorie e imprevedibili la volontà di rischiare incidenti molto più gravi" , commenta Vladimir Frolov, un esperto russo di affari internazionali, ma queste manovre sono anche un modo per il Cremlino di garantire che la sua voce venga ascoltata a Bruxelles. Nel rilanciare il Consiglio NATO-Russia, l'alleanzaha in parte ceduto a queste richieste, ma le due parti rimangono separate da un ponte insormontabile nella percezione. Il vero obiettivo per la Russia sembra essere una vittoria di pubbliche relazioni. Da un lato, i funzionari della NATO adesso sanno che la Russia non resterà a guardare, e dalll'altro - dice Frolov - un incontro - che secondo Mosca è accaduto solo perché la NATO lo ha chiesto, permette alla Russia di dimostrare che i Paesi occidentali che hanno cercato di isolarla esso sono "vedono il loro errore" e sono venuti a bussare alla porta del Cremlino per riprendere i contatti. Fonte: Reuters