Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
 
Connetti
Utente:

Password:


Italintermedia nasce nel 2010 in conseguenza del nuovo panorama imprenditoriale nato in Serbia dall'apertura agli investimenti e dai generosi incentivi offerti alle aziende straniere.

Fondata da Giuseppe Zaccaria, per molti anni inviato per l'estero de "La Stampa" e capo della comunicazione di "Fiat Automobili Srbija" nei due anni di avvio dell'iniziativa, produce per il gruppo "Globalyst" il solo notiziario in lingua italiana dai Balcani e grazie ad un gruppo di professionisti particolarmente qualificato si propone come aiuto e guida per tutte le aziende interessate ad entrare in uno dei mercati più interessanti d'Europa.

Grazie ad un accordo di libero commercio con la Federazione Russa, oggi la Serbia è il solo Paese europeo dal quale si possa esportare senza imposte doganali il 98 per cento delle merci nazionali - anche se prodotte in partnership - sugli enormi mercati dell'ESt e dell' Asia centrale e nello stesso tempo sul piano interno sta portando avanti progetti di grande importanza quali:
  • un gigantesco piano di rinnovamento del settore energetico, con particolare attenzione alle "rinnovabili"
  • la modernizzazione di una rete di raffinerie gestita dal colosso sovietico "Gazprom"
  • la costruzione della sezione del gasdotto "South Stream" che passerà per oltre 400 chilometri nel suo territorio
  • il rinnovo della rete ferroviaria , attraverso un "Master plan" con un orizzonte di quindici anni ed un "Action Plan" da realizzare nell'arco di cinque
  • il completamento del "Corridoio autostradale X" e la modernizzazione della rete viaria interna
  • l' aprirsi di tutta una serie di opportunità per piccole e medie aziende che intendano associarsi alle locali nella produzione di beni destinati all'esportazione nell'agroalimentare e nei settori più diversi
  • incentivi dai 4.000 ai 10.000 euro (n base alle zone) per la creazione di ogni nuovo posto di lavoro
  • tassazione media al 15 % e possibilità di ricevere in donazione le aree su cui far sorgere nuove imprese